Quando sono dovuti i compensi ai mediatori - A. Teso - 3-11-08


Ho avuto l’occasione di sperimentare direttamente la richiesta di alti compensi di mediazione per servizi mai richiesti. Un venditore e costruttore di barche che, ad acquisto concluso, si presenta come mediatore e pretende un’alta commissione senza mai aver ricevuto un mandato, ma solo per aver segnalato un cantiere, peraltro assai noto. Un acquisto di casa avvenuto a seguito della risposta ad
un annuncio di vendita su un giornale, dove la persona si presenta quale venditore e poi, al momento dell’atto, risulta essere un mediatore e pretende un’assurda commissione. E così via.
Non sarebbe ora di pretendere un mandato scritto, riportante quale servizio viene prestato ed il livello
di compenso pattuito? In Francia, per l’acquisto di case, è così. E la mediazione viene ovviamente pagata solo da uno dei due contraenti e cioè da quello che ha dato per primo il mandato ad operare. 
           
                                                           
       Adriano Teso

Stampa questa pagina