Frasi Celebri


" Primum vivere, deinde philosophari ".
Aristotele

" Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno ".
Hermann Hesse

" La mente si lascia sempre abbindolare dal cuore ".
François de La Rochefoucauld

" Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati ".
Bertolt Brecht

" Si può ragionevolmente ritenere che chi pensa che il denaro possa tutto, sia egli stesso disposto
 a tutto per il denaro ".
Benjamin Franklin

" Avere ragione è una ragione in più per non aver alcun successo ".
Friedrich Nietzsche

" La perfetta ragione rifugge gli estremi e vuole che uno sia saggio con sobrietà ".
Molière

" L'aritmetica ha un grande potere nell'elevare la mente costringendola a ragionare intorno a numeri astratti ".
Platone

" La lingua è l'espressione del pensiero: ogni volta che parli la tua mente sfila davanti a tutti ".
Sacre Scritture

" Gli uomini sono sempre contro la ragione, quando la ragione è contro di loro ".
Claude-Adrien Helvetius

" Quando un pazzo sembra perfettamente ragionevole è gran tempo, credetemi, di mettergli la camicia di forza ".
Edgar Allan Poe

" Felice è chi ha potuto conoscere le cause delle cose ".
Virgilio

" Perché avremmo una mente se non per fare a modo nostro? "
Fëdor Dostoevskij

" La ragione del più forte è sempre la migliore ".
Jean de La Fontaine

" Per metà degli uomini la morte arriva prima di diventare creature razionali ".
David Hume

" L'intelligenza è data all'uomo per dubitare ".
Émile Verhaeren


" Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possono essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformate in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire
nel mondo ".
Gandhi Karamchand Mohandas

" Se si domanda a Tizio, che non ha mai studiato il cinese e conosce bene solo il dialetto della sua provincia, di tradurre un brano di cinese, egli molto ragionevolmente si meraviglierà, prenderà la domanda in ischerzo e, se si insiste, crederà di essere canzonato, si offenderà e farà ai pugni.
Eppure lo stesso Tizio, senza essere neanche sollecitato, si crederà autorizzato a parlare di tutta
una serie di quistioni che conosce quanto il cinese, di cui ignora il linguaggio tecnico, la posizione storica, la connessione con altre quistioni, talvolta gli stessi elementi fondamentali distintivi. Del
cinese almeno sa che è una lingua di un determinato popolo che abita in un determinato punto
del globo: di queste quistioni ignora la topografia ideale e i confini che le limitano ".
Antonio Gramsci, "Passato e presente", quaderno 15, § 21

" Non torna inutile mai di farsi una giusta idea della propria ignoranza ".
Charles Darwin


Stampa questa pagina