Immigrazione


Le migrazioni hanno caratterizzato la storia dell’uomo sin dalle origini. Queste realtà hanno talvolta influenzato la formazione dei popoli, spesso indirizzandone la politica sociale ed economica.
Fin dall’antichità si sono verificate immigrazioni, a volte anche di massa e, ancora oggi, questi spostamenti influenzano il mondo.
  


L’Italia è tra le nazioni europee più interessate dal fenomeno immigratorio.
Non é possibile sapere con certezza quanti sono gli immigrati presenti nel nostro Paese, poiché a quelli che hanno ottenuto la cittadinanza ed a quelli provvisti di regolare permesso di soggiorno, vanno aggiunti i "clandestini", sconosciuti agli uffici anagrafici. La presenza straniera
è inoltre disomogenea e differenziata
sul territorio nazionale, di certo più elevata nelle aree centro settentrionali della penisola.

Vari sono i motivi che spingono così tanti extracomunitari a stabilirsi nel nostro territorio: guerre che coinvolgono i paesi di provenienza, mancanza di lavoro nel proprio stato, sogno di trovare benessere nel paese di destinazione... L’Italia, come tutto il mondo occidentale, è vista come una meta da raggiungere per trovare tutto ciò; purtroppo, non è questa la realtà spesso trovata...…

La crisi economica mondiale non ha risparmiato l’Europa: il numero sempre crescente d’immigrati, la precarietà e la diminuzione dell’occupazione non rendono sempre disponibili fonti occupazionali. E' chiaro che non avendo un impiego, gli immigrati si trovano sempre più ad essere sottoposti a forme di lavoro nero, insicuro e sottopagato, oppure diventano facile preda di organizzazioni criminali.

Come sottolineano le vicende di cronaca, non c’è giorno che clandestini, poveri derelitti, disperati senza nessuna illusione e senza niente da perdere provenienti dalle più svariate parti del globo, si imbarchino sopra decrepite imbarcazioni. Molti giungono esausti sulle nostre coste, dopo aver sopportato fatiche bestiali e rischiato anche di morire durante il "viaggio della speranza" che li porterà non si sa dove,
verso quella che credono essere la loro salvezza.
Molto spesso è proprio la criminalità organizzata internazionale a gestire l’ingresso clandestino e questo rende il problema ancora più drammatico, basti pensare a quei "trafficanti" che, dopo essere stati introdotti nei paesi di destinazione, vengono spesso inseriti nel modo criminale e sfruttati come fonti di nuovi profitti illeciti ( nel campo della prostituzione, dello spaccio di droga, dei furti, dell'accattonaggio, del lavoro nero ).

La popolazione italiana a questo riguardo si spacca in due fazioni: la maggior parte vorrebbe che i clandestini fossero rimandati senza tentennamenti ai loro paesi d’origine; altri preferirebbero trattenerli nei centri d’accoglienza, consapevoli che l'impresa di rientrare sarebbe ritentata appena possibile, affrontando rischi sempre maggiori.
Sarebbe opportuno promuovere un'accoglienza dignitosa per uomini e donne in fuga da povertà e miseria, a volte da guerre e persecuzioni, alla ricerca di un futuro migliore per sé e per i propri figli.
Ma tenendo ben presente e distinto chi cerca un’occupazione legale e manifesta seria volontà d’inserirsi a pieno titolo nella nostra società, rispettandone le leggi e la cultura, da chi invece andrebbe ad infittire le maglie della criminalità.

Questo non vuol dire spalancare le porte all'immigrazione, semmai governare il fenomeno conciliando le ragioni della legalità con quelle dell’ospitalità, le ragioni della sicurezza con quelle della solidarietà.

Gennaio 2009

BIBLIOGRAFIA
Troppe ipocrisie sugli immigrati - A.Panebianco - Corriere della Sera - 13-01-14
Perché l'umanitarismo rovina l'immigrazione - R.Brunetta - Il Giornale - 22-07-13
L'asilo politico, ultimo alibi per sfuggire all'espulsione - F.De Remigis - Corriere della Sera - 13-05-13
Gli immigrati resistono meglio alla crisiIn nove mesi +13.000 imprese extra Ue - Corriere della Sera - 3-11-12
Dossier Statistico Immigrazione Caritas-Migrantes 2012  Scheda di sintesi dei principali dati
Ex Bel Paese: crescono gli imprenditori immigrati, crollano gli italiani - C.Prevosti - l'Indipendenza - 12-10-12
Cancellieri: "Stop agli immigrati, in Italia non c'è lavoro" - Libero - 16-05-12
Il trucco degli immigrati: scroccano la pensione per i parenti all’estero - F.De Feo - Il Giornale - 6-05-12
Chi sono i nuovi Italiani I nuovi italiani Gli immigrati che scelgono i piccoli centri - D.Di Vico - Corriere della Sera - 28-04-12
Immigrazione clandestina, arrestati terroristi dell'«Hezbollah turco» - Corriere della Sera - 21-02-12

FRASI CELEBRI

ANALISI

SOLUZIONI E PROPOSTE

LIBRI E SAGGI

LINKS


Stampa questa pagina